FANDOM


Il Deinonychus è un dinosauro Coelurosauridae Dromaeosauridae. Questa specie di raptor poteva raggiungere i 3,4 metri di lunghezza, visse durante il Cretaceo Inferiore circa 115.108 milioni di anni fa in Montana, Wyoming e Oklahoma. I suoi resti sono stati rinvenuti nelle rocce della Formazione di Clovery e nella Formazione d'Antlers.

Deinonychus

Un'illustrazione del Deinonychus

Studi condotti su di lui dal paleontologo John Ostrom nei tardi anni 60 rivoluzionarono il mondo in cui gli scienziati percepirono i dinosauri, così innescando il cosiddetto "Rinascimento dei dinosauri" e un dibattito sulla possibilità che questi fossero endotermici. Il suo nome significa "terribile artiglio" e si riferisce all'enorme artiglio ricurvo presente sul secondo dito della zampa posteriore, caratteristica anche di tutti gli altri raptor con cui era imparentato, tra cui il famosissimo Velociraptor.

Descrizione Modifica

Sulla base di alcuni esemplari, si è calcolato che il Deinonychus potesse raggiungere i 3,4 metri di lunghezza, con un cranio lungo 41 centimetri, un'altezza di circa 1 metro e un peso di 75 chili. Il cranio era fornito di mandibole possenti con circa 70 denti aguzzi. le prime ricostruzioni del cranio assomigliavano a quelle dell'Allosaurus, ma resti più completi scoperti dopo mostrano che il palato era più spazioso di quanto ritenuto prima, cos' indicando che il muso era più stretto, mentre gli zigomi sporgevano notevolmente, indicando visione stereoscopica. Sia il cranio che la mandibola inferiore possedevano aperture che riducevano il peso del cranio. In questa specie la finestra antorbitale era notevolmente grande. Simile al Dromaeosaurus, il cranio del Deinonychus era più robusto di quello del suo cugino Velociraptor e possedeva un osso nasale più elevato. possedeva delle grandi zampe anteriori fornite di tre artigli. il primo dito era più corto, e il secondo era il più lungo. Ogni zampa posteriore era fornita di un artiglio ricurvo, simile ad una falce, sul secondo dito, che si ritiene fosse usata durante la caccia. Malgrado non ci siano stati ritrovamenti di pelle di questo dinosauro, ci sono prove che i Dromaeosauridi, fossero piumati. Il Microraptor è più antico e primitivo del Deinonychus, ma mostra un sottile piumaggio simile a quello degli uccelli moderni sulle braccia, zampe e coda. Anche il Velociraptor mostra in alcuni fossili la presenza di particolari papille ossee sull'ulna che testimoniano l'attaccatura di penne remiganti.

Classificazione Modifica

Il Deinonychus rappresenta una delle specie di Dromaeosauridi più studiati ed è un parente stretto del Velociraptor, che si trova nei sedimenti più recenti del Cretaceo Superiore in Asia Centrale. Insieme formano il clade Velociraptoridi. Il nome sottofamigliare Velociraptoridi fu prima usato da Rinchen Barsbold nel 1983 per contenere solamente il Velociraptor. Dopo, Phil Currie incluse in esso la maggior parte dei Dromaeosauridi conosciuti. Due generi del Cretaceo Superiore, il Tsaagan della Mongolia e il Saurornitholestes del Nordamerica potrebbero anch'essi essere parenti, ma l'ultimo dimostra difficoltà nell'essere classificato. Si ritiene che il Velociraptor e i suoi parenti usassero soprattutto gli artigli nella caccia invece dei denti, al contrario di Dromaeosauridi come per esempio il Dromaeosaurus, che sono forniti di crani più robusti. Insieme ai Troodontidi, i Dromaeosauridi formano il clade Deinonychosauria, che rappresenta un taxon sorella degli Aves. Filogeneticamente il Deinonychus rappresenta il gruppo di dinosauri non-aviani più imparentato con gli uccelli.

Scoperta Modifica

I resti fossilizzati del Deinonychus sono stati recuperati dalla Formazione Cloverly in Montana e Wyoming e nella Formazione d'Antlers in Oklahoma. I primi resti furono scoperti nel 1931 nel Montana meridionale presso Billings. Il capo della squadra paleontologica, Barnum Breown, si stava concentrando sulla ricerca dei resti del Tenontosaurus, un Ornitopode erbivoro, ma il suo rapporto scritto al American Museum of Natural History incluse un cenno a un piccolo dinosauro carnivoro trovato vicino ai resti del dinosauro erbivoro, ma trovò difficile conservarlo. Nominò l'esemplare Daptosaurus Agilis, e intendeva pubblicarne una descrizione e restaurare lo scheletro, ma non riuscì. Poco più di 30 anni dopo, nell'agosto del 1964, il paleontologo John Ostrom condusse una spedizione dal Peabody Museum di Yale University, che scoprì ulteriori resti presso Bridger. Delle spedizioni nei due anni seguenti ritrovarono più di mille ossa, tra di essi tre individui. Siccome fu quasi impossibile determinare il numero di esemplari, l'olotipo fu ristretto al piede sinistro intatto e il piede destro parziale che furono attribuiti allo stesso esemplare. Studi ulteriori condotti da Ostrom e Grant E. Meyer rivelarono che il Daptosaurus di Brown e il Deinonychus facevano parte dello stesso genere. Ostrom pubblicò i suoi ritrovamenti nel febbraio 1969, nominando i resti Deinonychus antirrhopus. L'epiteto deriva dalla parola greca "antirropos" che significa contro bilancia, in riferimento alla probabile funzione della coda rigida. Cinque mesi dopo, Ostrom pubblicò una monografia dettagliata dell'animale. Malgrado la scoperta di tante ossa nel 1969, molti pezzi rimanevano misteriosi. le scoperte contenevano pochi materiali postorbitali, vertebre incmplete, e niente femori, sacri, forcule e sterni. la ricostruzione di Ostrom incluse un pube piatto e trapezoidale molto diverso da quello degli altri Teropodi, ma che mostrava la stassa lunghezza dell'ischio. nel 1974, Ostrom pubblicò un'altra monografia sulla spalla del Deinonychus, in cui si rese conto che il pube della sua prima ricostruzione era in realtà un osso coracoide. quello stesso anno, un altro esemplare di Deinonychus fu scoperto in Montana da Steven Orzack durante una spedizione di Harvard University. L'esemplare includeva vari elementi nuovi, inclusi femori, pubi, sacri, un ilio meglio conservato e alcuni pezzi di piedi e metatarsi. Ostrom modificò la sua ricostruzione, incorporando un pube più lungo, che notò essere retroverso come negli uccelli. Nel 2000, furono esaminate delle ossa isolate e frammenti di ossa tenuti in deposito nell'American Museum. Le esaminazioni rivelarono una caratteristica sorvolata; delle ossa lunghe e snelle, prima identificate come tendini ossificati della coda, si rivelarono essere in realtà dei gastralia. ancora più notevole fu la scoperta di frammenti di uova nelle vicinanze dell'esemplare originale di Deinonychus. Un resoconto successivo identificò i frammenti di uovo come quelli di un uovo di Deinonychus, così rappresentando le prime uova di Dromaeosauride identificate. Inoltre, fu notato che i frammenti erano in contatto con le gastralia, così suggerendo che L'esemplare stesse covando le sue uova, e che fosse quindi una creatura endotermica, come gli uccelli odierni. Un ulteriore studio rivelò che l'individuo avesse 13-14 anni di età al momento della morte, e che avesse concluso il suo ciclo di crescita.

Paleobiologia Modifica

I denti del Deinonychus sono stati scoperti in gran numero presso i fossili del Tenontosaurus nella Formazione Cloverly. Due cave sono state scoperte, contenenti fossili quasi completi di questo raptor vicino ai fossili dei grandi erbivori. La prima, la Cava di yale in Montana, contiene molti denti e fossili di quattro Deinonychus adulti e un giovane. La vicinanza di questi esemplari al Tenontosaurus suggerisce un possibile rapporto predatore-preda, i carnivori stavano forse divorando l'Ornitopode. I paleontologi ipotizzarono che questo predatore cacciasse e vivesse in branchi. la seconda cava proviene dalla Formazione d'Antlers nell'Oklahoma. Il sito contiene sei scheletri parziali di Tenontosaurus, incluso un esemplare con attorno un elevato numero di denti di Deinonychus, le impronte dei quali si trovano anche su alcune ossa dell'erbivoro. Ciò fece ragionare gli studiosi, sul fatto che un esemplare solitario di Deinonychus dal peso di 75 chili non avrebbe mai potuto avere la meglio su un dinosauro di 1-4 tonnellate, rendendo veritiera l'ipotesi del cacciatore di branco.

Stime sulla forza del morso del Deinonychus furono elaborate nel 2005, basate sulla muscolatura mandibolare ricostruita. Questo studio concluse che questo dinosauro avesse probabilmente un morso pari a circa il 15% della forza di quello dei un moderno alligatore. uno studio condotto cinque anni dopo stimò nuovamente la forza del morso tramite l'osservazione diretta di impronte dei denti sulle ossa di alcuni dinosauri erbivori. Queste impronte venivano da un esemplare di grandi dimensioni, e fornivano la prima prova che il morso di un esemplare di Deinonychus adulto potesse scalfire le ossa.

Malgrado l'artiglio sia la caratteristica del Deinonychus, la sua forma varia tra esemplari. l'esemplare descritto da Ostrom nel 1969 possedeva un artiglio molto ricurvo, mentre l'esemplare del 1976 aveva un artiglio meno ricurvo simile agli altri artigli del piede. Ostrom suppose che queste differenze potrebbero essere dovute all'età o al sesso degli animali. Ci sono prove anatomiche e delle impronte che dimostrano che l'artiglio fosse tenuto in una posizione eretta mentre il dinosauro camminava sul terzo e quarto dito. Ostrom suggerì che il Deinonychus potesse calciare con l'artiglio per lacerare le prede. Alcuni ricercatori hanno persino suggerito che l'artiglio potesse sventrare i grandi Ceratopsidi. Altri studi dimostrano che gli artigli fossero usati per pugnalare la preda. Ostrom paragonò questo predatore allo struzzo o al casuario. Notò che entrambi gli uccelli possono infliggere ferite gravi con gli artigli ingranditi sul secondo dito di ogni piede. il casuario possiede artigli lunghi 12 centimetri e Ostrom disse questi uccelli con un calcio potessero sventrare un uomo.

Nel 2002, degli studi biomeccanici condotti da Ken Carpenter confermarono che la funzione più probabile degli arti anteriori nell'atto della predazione fossero afferrare la preda. L'osso coracoide massiccio e allungato, chiaramente dotato di muscoli possenti, rafforza questa interpretazione. Gli stessi studi biomeccanici indicano che l'animale poteva ripiegare le braccia attaccate al corpo.

Paleoecologia Modifica

Prove geologiche suggeriscono che il Deinonychus abitasse zone di golena e di palude. L'ambiente della Formazione Cloverly e d'Antlers, dove i resti sono stati scoperti, consisteva in foreste tropicali, delta fluviali e lagune, simili alla Louisiana moderna. Tra gli animali vissuti contemporaneamente al Deinonychus vi erano i dinosauri erbivori come il corazzato Sauropelta e gli Ornitopodi Zephyrosaurus e Tenontosaurus. In Oklahoma l'ecosistema includeva il grande Teropode carnivoro Acrocanthosaurus, il Sauropode Sauroposeidon, il coccodrillo Geniopholis e il pesce caimano Lepisosteus. Se i denti scoperti nel Maryland appartengono veramente a questo raptor, ciò significherebbe che fosse contemporaneo anche del Sauropode Astrodon e del Nodosauride Pricodon.